• 339-7202236

Category Archive: Astrologia

Astrologia Oraria Classica, più precisa dei Tarocchi

Astrologia oraria classica. Più precisa dei Tarocchi. Offre risposte puntuali a domande concrete con le tecniche degli astrologi antichi.

Ho già accennato a questo tipo di astrologia. All’inizio la mia formazione di astrologo si è basata sugli insegnamenti della moderna astrologia umanistica di Dane Rhdyar e altri. Lo anticipo perché dopo farò precisazioni importanti sulle differenze tra le due scuole astrologiche.

Regole di astrologia oraria, tempo e luogo

L’astrologia oraria classica funziona facendo l’oroscopo alla domanda e non alla persona. L’astrologo calcola l’oroscopo per l’ora e nel luogo in cui viene a conoscenza e comprende la domanda.

Esempio: un consultante a Milano telefona al suo astrologo a Roma e fa una domanda. L’astrologo segna l’ora in cui riceve la domanda, il luogo è quello dove si trova l’astrologo stesso cioè Roma. Stessa cosa se la domanda viene fatta via e-mail. L’astrologo può chiedere eventuali chiarimenti anche dopo.

Un astrologo può porre domande anche a se stesso. Se invece la domanda ti frulla in testa per giorni, settimane, anni, il luogo e l’ora validi sono quelli in cui ti fai fare la carta.

Regole di astrologia oraria, ascendente e case

Ci sono due “signori” che devono incontrarsi. Il signore dell’Ascendente e il signore della cosa desiderata. Il signore dell’ascendente (AC) rappresenta il consultante che pone la domanda e vuole la risposta. La questione di interesse o la cosa desiderata, è il signore di una determinata casa che simboleggia, appunto, la questione o la cosa desiderata.

Spiego. Il signore dell’AC e i signori delle altre case sono i pianeti che governano i segni dove cominciano (cuspidi) le case stesse. La prima casa è l’ascendente. La cuspide è l’inizio di una casa. Es. Inizio 10^ casa in Gemelli? Il governatore del segno dei Gemelli è Mercurio quindi il signore della decima casa è Mercurio. Inizio 11^ casa in Cancro? La luna governa il segno del Cancro perciò il signore della 11^ casa è la luna. E cosi via.

Le case hanno gruppi di significati perché rappresentano settori della vita. La 10^, tra i vari significati, ha quello del lavoro. La 11^ l’amicizia.  La 6^ per esempio, tra le altre cose, rappresenta gli animali domestici ma anche gli impiegati, l’intestino e così via. Se vuoi sapere di più sulle case ti regalo una bella dispensa. Poi ci sono anche i significati naturali dei pianeti ma non posso scrivere un trattato al posto di un articolo.

II signore dell’AC e quello della cosa desiderata devono formare tra loro un aspetto angolare (congiunzione, trigono, sestile, opposizione, quadrato). In modo diretto oppure in modo indiretto, tramite altri pianeti, che “passano la luce”. In caso contrario l’evento sperato non si realizzerà o la cosa non si otterrà. Questa è la regola generale che ha diverse eccezioni e molte declinazioni. Eccoti un esempio.

Astrologia oraria classica, un esempio

Il consultante chiede: Verrò selezionato per partecipare ad un corso per il quale mi sono candidato? La carta viene eretta in Roma, 3 aprile 2019 alle ore 17.27

Il consultante è rappresentato da Mercurio signore dell’AC, cerchiato in verde. L’AC è l’ascendente cioè la cuspide  della prima casa. L’AC cade in Vergine, segno governato appunto da Mercurio. Il corso è rappresentato da Venere, cerchiata in giallo, signore della 9^ casa perché Il corso è tra i significati della 9^ casa e la cuspide della 9^ è in Toro, segno governato da Venere.

Mercurio e Venere non formeranno un aspetto tra loro (congiunzione, trigono, sestile, opposizione, quadrato) per via delle loro diverse velocità . Inoltre Mercurio consultante è nel segno dei Pesci dove è in esilio e in caduta e per giunta è in 6^ casa sfortunata anche se sta per passare nella 7^.

La luna cerchiata in blu, co-significatore del consultante, non forma aspetti con Venere. Altro fatto negativo. Mercurio formerà altri aspetti con altri pianeti ma non ci sarà contatto, nemmeno indiretto, con Venere.Il consultante non verrà ammesso al corso. Nell’astrologia oraria classica bisogna consultare le effemeridi e tenere conto di molte variabili. Le carte possono essere ambigue, non lineari come questa.

Quando si interpreta una carta oraria si può arrivare alle medesime conclusioni anche in modi diversi. Questo fatto testimonia, che anche nell’Astrologia Oraria Classica, come in tutta l’astrologia si interpreta cercando coincidenze che si ripetono. Ma vuole dire anche, che la carta è come un organismo unico: l’universo ci rispecchia nel movimento dei pianeti e nella loro posizione.

Alla fine dell’articolo ti indico dei suggerimenti operativi per in interpretare una carta oraria ma ti dico subito un cosa. Non temere se non capisci tutto quello che c’è scritto. E’ roba tecnica. Conta quello che sto per dirti.

 

Astrologia moderna e classica differenze

Combustione, via combusta, dispositore del tema, aspetti partili separativi, stelle fisse, mutue ricezioni e sorti,  sono elementi a volte sottovalutati, e qualche addirittura volta ignorati, dagli astrologi moderni. Nell’astrologia moderna contano le influenze generali, le ripetizioni principali, lo sguardo d’insieme. Gli astrologi moderni riconoscono un ruolo fondamentale al libero arbitrio, quelli classici molto meno.

Per gli astrologi moderni, il peso del destino è un’occasione per poter evolvere come persone e superare i propri limiti. Tutto bello, tutto utile, ma non utile in ogni caso. Ecco perché, determinismo o no, ho voluto ascoltare anche il suono di un’altra campana.

William Lilly, la scuola inglese

<<Quando si parla di “astrologia classica” si intende in genere l’ulteriore sviluppo delle dottrine babilonesi in epoca ellenistico-romana, che nel I secolo dell’era cristiana la portò a diventare la disciplina centrale di interpretazione della realtà>> (1)

Ma si deve soprattutto a William Lilly, astrologo inglese del 17° secolo la sintesi e lo sviluppo di tutta una serie di contributi precedenti dell’astrologia antica. Profondo conoscitore del latino e di modeste origini, dovette lasciare la scuola a causa del dissesto finanziario del padre.

Sposò una ricca vedova e si dedicò alla speculazione immobiliare, arricchendo il patrimonio immobiliare della moglie. Cominciò ad occuparsi di astrologia all’età di 30 anni. Studiò molte fonti in latino, scrisse libri e almanacchi. Fu consigliere di nobili e reali.

John Frawley, la scuola inglese oggi e altri

Gli astrologi orari classici sono tanti nel mondo ma la scuola inglese ha un suo nuovo autorevole rappresentante: John Frawley. Il suo celebre manuale, best-seller, è punto di riferimento per chi vuole apprendere questa materia. “Astrologia Oraria”, pubblicato in italiano dall’editore Armilla.

 

Tra gli italiani, c’è il “Trattato di Astrologia Oraria Tradizionale” di Giacomo Albano. Testo sul quale mi sono formato. Riprende il manuale di John Frawley, aggiunge contributi di astrologi antichi e viene arricchito dalla personale esperienza dell’autore.

Determinismo e libero arbitrio

Se sei un determinista e o comunque non stai nella pelle per sapere l’esito preciso di una faccenda, l’astrologia oraria classica fa per te. Io l’ho studiata dopo quella umanistica e dopo i Tarocchi e posso assicurarti, in base alla mia esperienza, che è più precisa dei Tarocchi. Anche se nessuna mantica, secondo me, ha una precisione massima.

Gli astrologi moderni, criticano quelli classici bollandoli di superstizione, quelli classici, a loro volta, criticano i moderni rinfacciando loro di dedicarsi ad un’astrologia sbiadita, condita di vaghe chiacchiere junghiane e fumose interpretazioni transpersonali e New Age.

Secondo me invece funzionano entrambe ma per scopi diversi. L’astrologo deve fornire strumenti al consultante, questo è il suo lavoro. Deve integrare visioni, non fossilizzarsi in divisioni.

Astrologia oraria classica, regole interpretative

Suggerimenti di massima per interpretare una carta oraria (per chi già conosce i termini astrologici):

– Individuare i significatori.
– Vedere se c’è un aspetto applicativo tra loro.
– Vedere se c’è un aspetto separativo partile tra loro.
– Se non c’è un aspetto applicativo vedere se ci sono “scambi di luce” che mettono in contatto i pianeti non in aspetto.
– Se non c’è un aspetto vedere se ci sono delle mutue ricezioni sostitutive oppure un contatto per antiscia.
– Vedere se ci sono delle proibizioni e se sono definitive oppure no.
– Vedere se c’è un unico dispositore del tema.
– Se non c’è aspetto applicativo, vedere se si formerà (specie riguardo la luna), entro 3° del segno successivo max.
– Vedere la posizione nelle case.
– Vedere se ci sono contatti dei significatori con i malefici ed esplorarne le dignità essenziali o accidentali di questi utlimi.
– Vedere se ci sono ricezioni e dignità dei significatori, tra significatori e altri pianeti importanti.
– Vedere se ci sono cambi di stato nell’immediato futuro (cambiamento di segno o casa, entrata o uscita da combustione o raggi, retrogradazione alla prima stazione o seconda)
– Vedere se i significatori sono sotto i raggi o combusti.
– Vedere se i significatori sono sulla via combusta.
– Vedere se ci sono aspetti con le sorti o congiunzioni con stelle fisse.

 

CONTATTAMI PER UN CONSULTO

SCRIVI O CHIAMA

339-72 02 236

 

Note

(1) “Storia dell’Astrologia” di Kocku Von Stuckrad. Edizioni Oscar Mondadori Storia.

 

 

Compatibilità di coppia in astrologia – Esempio pratico

In questo post spiego con un esempio pratico, la compatibilità di coppia in astrologia. Mi voglio divertire a riprendere qualcosa che avevo fatto anni fa per esercitarmi con questo tipo di analisi.

Esamino la compatibilità tra me e la mia attrice preferita, Nicole Kidman. Le due persone coinvolte, infatti, non si conoscono e l’astrologo deve essere immune da ogni condizionamento e proiezione, cosa non facile in questo caso. Non si tratta quindi di un semplice esercizio di stile o di un vezzo ma di una cosa impegnativa. Applico la teoria del mio post sull’oroscopo di coppia.

Esaminare le carte natali di entrambi

Prima di cominciare a vedere la compatibilità di coppia, sarebbe bene dare uno sguardo prima alle carte natali di entrambi. In questa sede non riporto questa analisi sia per motivi che riguardano la mia privacy, sia perché voglio mantenere il focus sulla coppia e non dilungarmi troppo col rischio di annoiarvi. Accennerò a quanto serve nei momenti utili.

I limiti della compatibilità astrologica di coppia

La compatibilità di coppia in astrologia non significa che due persone compatibili, svilupperebbero un interesse sentimentale se si incontrassero. Significa che la compatibilità o meno si manifesterebbe nel caso ci fosse una relazione tra loro. Sembra superfluo ricordarlo ma in un paese dove molta gente ha una cultura astrologica fatta solo di oroscopi online o consulti di maghi e fattucchiere per fare riti di “legamento”, è utile precisarlo.

Come è facile immaginare poi, ci sono molti tipi di compatibilità. Per una relazione di lunga durata? Per un notte? Per un periodo? Quando pensiamo alla compatibilità ci viene in mente una lunga relazione. La compatibilità cambia nel tempo. Noi viviamo momenti diversi della vita e questo si riflette sul nostro rapporto di coppia. Coppie anche affiatate e compatibili possono dividersi se la vita li porta in quella direzione.

Andrea Mecchia e Nicole Kidman

Questa è l’immagine del tema comparato. I temi natali come si vede sono sovrapposti. Io uso la tecnica del tema comparato e non del tema integrato del famoso astrologo americano Ph.D. Robert Hand. Reputo la prima più leggibile e più aderente alla realtà.

Pianeti e case che mi riguardano sono sul cerchio esterno, quelli di Nicole Kidman sul cerchio interno. L’ordine può essere invertito, il risultato non cambia.

Segno zodiacale prima di tutto

Io sono Sagittario (Sole in Sagittario cerchiato in blu) e Nicole Kidman è Gemelli anche se per poco. (Sole in Gemelli cerchiato in verde). I due soli sono opposti perché Gemelli e Sagittario sono segni opposti. L’opposizione nell’oroscopo di coppia è stimolante. Sagittario è fuoco, Gemelli aria. L’aria alimenta il fuoco e questo va bene  perché si tratta di due segni di idee, due segni cerebrali. Abbiamo una complementarità di elemento.

Ho detto poi che Nicole Kidman è Gemelli per pochi gradi ancora, quindi sarebbe buona cosa esaminare il suo tema per vedere quanto è forte, in definitiva, la componente aria nel suo tema di nascita.

Compatibilità dei quattro elementi in astrologia

Nel tema natale di Nicole Kidman ci sono 4 pianeti in segni di fuoco, nel mio la stessa cosa. Gemelli è un segno di aria e io ho 2 pianeti in segni di aria e Nicole Kidman 2 pianeti in segni di aria. Abbiamo forte compatibilità tra gli elementi fuoco e aria che riprende quella tra i segni Gemelli e Sagittario. L’interpretazione in astrologia si fa cercando coincidenze che si ripetono.

Compatibilità tra Sole e Luna (per entrambi cerchiati in rosso)

La Luna è importante quanto il Sole e per una donna, certe volte, lo è anche di più. Noi diciamo che siamo di un segno perché abbiamo il Sole in quel segno, ma nessuno ci dice dove abbiamo la Luna perciò ognuno di noi è di due segni.

Io sono del Sagittario perché ho Sole e Luna in Sagittario. Nicole Kidman è Sole in Gemelli e Luna in Sagittario. La compatibilità di segno è evidente. Inoltre la Luna di Nicole Kidman è congiunta alla mia Luna. Questo è un oroscopo di coppia dove abbiamo una forte compatibilità di segno, elemento e adesso anche aspetto (congiunzione appunto).

Questa congiunzione è un’arma a doppio taglio però, perché in un ipotetico rapporto di lunga durata, porterebbe molta complicità, è vero, ma anche emotività e nervosismo rispetto agli stati d’animo negativi dell’uno verso l’altra.

Compatibilità tra Mercurio (per entrambi cerchiato in verde)

Le donne vengono da Venere e gli uomini da Marte e tutti si dimenticano di Mercurio. Nella compatibilità di coppia in astrologia, questo pianeta è comunicazione e scusate se è poco. In un oroscopo di coppia (e nella coppia) comunicare o meno e nel modo giusto fa una grande differenza.

Il mio mercurio è in Sagittario, quello di Nicole Kidman è in Cancro, quindi fuoco e acqua. I due mercurio sono in una posizione reciproca di quinconce (150°). Non interpreto favorevolmente questo aspetto tra i due pianeti che potrebbe regalare incomprensioni.  Il quinconce è sempre un aspetto ambivalente. Per essere interpretato deve essere osservato nella vita reale.

Compatibilità tra Marte (per entrambi cerchiato in giallo)

Marte di Nicole Kidman è in Bilancia e in 12^ casa, il mio è in Pesci e in 2^ casa. Marte è anche la sessualità e più in generale, in una coppia, è anche la “potenza” con la quale i membri della coppia si “impongono” l’uno verso l’altra. In una coppia infatti l’equilibrio è difficile e situazioni di sudditanza o dipendenza, più o meno velate, sono spesso presenti. L’analisi della compatibilità di coppia con l’astrologia può aiutare ad individuarle.

Marte in Bilancia di Nicole Kidman porta ad affermare se stessi con socialità, cooperazione, fascino e facilità di rapporti. Il sentimento “a pelle” è quello che spinge Nicole Kidman ad apprezzare o meno le persone. Il mio Marte in Pesci predispone all’affermazione di se stessi in quei contesti, situazioni o modalità, dove si trovano idealismo, empatia, gentilezza, cooperazione. Nel Marte in Pesci, la sessualità è influenzata da stati d’animo, sogni e idee, di più che nel Marte in Bilancia.

I due Marte sono in quinconce come Mercurio (150°) e quindi non è una buona posizione ma non sono due Marte aggressivi, sono invece empatici e quindi hanno bisogno di tempo in più magari per studiarsi a vicenda e trovare una comune sensibilità.

Compatibilità tra Venere (per entrambi cerchiata in rosa)

Le due Venere non formano aspetti tra loro. Venere è neutra in questo tema comparato e Venere è il pianeta dell’amore per eccellenza. E non c’è nemmeno compatibilità di elemento. Quella di Nicole è nel fuoco del Leone, la mia nella terra del Capricorno. Significa che l’amore può scattare ma non attraverso colpi di fulmine, fulminanti.

Tutta la compatibilità vista prima tra segno, elemento, aspetti della Luna, deve vedersela con questa neutralità. Non è negatività, è silenzio. Le “stelle” non parlano di amore se guardiamo solo la Venere di entrambi.

Questo è un caso dove la carta dice il contrario delle idee, aspettative, sentimenti del consultante. Situazione tipica che si verifica anche in altri tipi di analisi astrologiche. Cosa direbbe allora un astrologo ai suoi clienti?

Venere pianeta dell’amore

Dipende dal contesto. La coppia è formata o no? Da quanto? E’ in crisi? Una Venere neutrale è una carta da giocare quindi come stanno le cose nella realtà? In base alla risposta l’astrologo indagherà meglio nei significati astrologici del tema. La vita è anche libero arbitrio e l’astrologia lo fa vedere. “Astra inclinant non necessitant” “Gli astri inclinano non obbligano”. San Tommaso D’Aquino.

Non ho scelto un esempio di fantasia prendendo la mia attrice preferita solo per un vezzo, ma perché è un oroscopo impegnativo Il consultante (me stesso) non è accoppiato con la donna dell’oroscopo e non deve farsi influenzare dalle sue proiezioni.

Quindi cosa dire ad un consultante con un oroscopo come questo? Io direi quello che la carta descrive e che l’astrologo legge. Vediamo di cosa si tratta. Innanzitutto la Venere di Nicole forma ottimi aspetti con i miei Giove, Mercurio e Luna di cui parlerò più sotto e poi vale quanto sto per dire.

Compatibilità tra Luna nera (per entrambi cerchiata in blu)

La Luna nera ha a che fare con la sessualità. Molti astrologi la definiscono lato oscuro ecc…

C’è un aspetto di opposizione tra la mia Luna nera e quella di Nicole Kidman. L’opposizione qui è da prendere con le molle perché se si verifica tra persone immature, egoiste o superficiali si ha un aspetto disarmonico, al contrario abbiamo una complicità molto stimolante. Vedendo gli aspetti precedenti  sono portato a propendere per la seconda ipotesi.

E’ una mia proiezione? L’astrologo è coinvolto emotivamente? Si. Perciò l’astrologo deve fidarsi solo della carta. Procediamo. La mia Luna nera è in bilancia e in 8^ casa, quella di Nicole Kidman in Ariete e in 6^ casa. Il fuoco dell’ariete è alimentato bene dall’aria della bilancia che però non ama l’impetuosità arietina.

Ma l’impetuosità dell’attrice australiana è mitigata dalla posizione in 6^ casa. Nicole Kidman è impetuosa si, ma cerebrale, la bilancia è raffinata ed esploratrice e curiosa di novità. Quella mia 8^ casa potrebbe, portarmi a volte fuori strada forse insistendo su cose non così gradite in tutti i momenti.

Tirando le somme esistono i presupposti per una complicità sessuale anche se a volte discontinua. Lavorare sui rispettivi Mercurio visti in precedenza è il consiglio che darei a questa coppia e anche tenere conto dei rispettivi Marte in quanto empatici al punto giusto, ricettivi alla bisogna. La passione vuole coinvolgimento, accoglienza, accettazione.

C’è una buona compatibilità finora ma l’analisi continua…

– Urano di Nicole trigono a Venere di Andrea
– Venere di Nicole sestile a Urano di Andrea
Complicità, complicità, complicità, se la coppia funziona…

Incompatibilità di coppia in astrologia

Una compatibilità di coppia fatta di molti alti e pochi ma forti bassi. Ecco i bassi.

– Urano di Nicole quadrato a Mercurio di Andrea
– Urano di Andrea quadrato a Mercurio di Nicole e congiunto a Marte di Nicole.
– Urano di Nicole opposto a Marte di Andrea

Di nuovo i rispettivi Mercurio ma questa volta legati a filo doppio ai rispettivi Urano. Si chiama “doppia enfasi” cioè coincidenze che in che si ripetono in un tema astrologico. Tensioni su Mercurio e Urano. Mi sa tanto quindi che in certi momenti troverei l’adorata Nicole, davvero, davvero, insopportabile e viceversa. Quindi possibili litigi molto animati.

Marte di Nicole quadrato a Venere di Andrea, tendenza di Nicole a imporsi su Andrea e Andrea non lo tollererebbe viste le configurazioni precedenti. Un tema quindi che funziona bene con l’amicizia ma che potrebbe essere tortuoso (e non poco) in amore. Bello per la passione, se sboccia, meno collaudato per una relazione di lunga durata? Vediamo.

E per finire veniamo a Saturno e Giove.
Il mio Saturno è nella 7^ casa di Nicole, vuol dire che Nicole Kidman a volte si sentirebbe insicura, rispetto a certi miei comportamenti. Saturno di Nicole invece è nella mia 2^ casa quindi ci sarebbe una mia insicurezza in tutti gli ambiti rappresentati da questa casa, in particolare per quanto riguarda la sicurezza materiale.

Il bisogno di sicurezza materiale, la volontà di averla, gli eventi connessi a questo settore della vita; il patrimonio mobiliare, quindi soldi, titoli, gioielli e altri oggetti di valore ma anche i collaboratori più stretti e, in parte, anche l’alimentazione.

Facciamo esempi: avrei disagio con certe manifestazioni di ricchezza? Troverei venali o inutili certe manifestazioni materiali? Troverei frivolo e falso l’ambiente professionale di Nicole? Critiche e suggerimenti da parte sua che riguardano i soldi io non le accetterei?

Per fortuna che il mio Giove è nella sua seconda casa e il Giove di Nicole è nella mia 7^ casa. In questo modo gli effetti negativi dei rispettivi Saturno, visti sopra, vengono attenuati. Idealmente in una coppia Sole e Luna devono essere in buone posizioni e qui lo sono, tuttavia non basta per mettere la mano sul fuoco. La compatibilità è impegno di relazione da costruirsi ogni giorno. In questa analisi ci sono ottimi elementi positivi sui quali lavorare.

Aspetti planetari

Finora ho esaminato quasi solo i pianeti di entrambi in rapporto tra loro (Sole-Sole, Luna-Luna, Mercurio-Mercurio, Venere-Venere, ecc..) ma non ciascuno di questi pianeti, a sua volta, è in relazione con gli altri.

Per esempio, la Venere di Nicole Kidman è in ottimo trigono con il mio Giove, il mio Mercurio e la mia Luna. Aspetti molto positivi. Il Giove di Nicole Kidman è opposto al mio ascendente, il Sole di Nicole è in quinconce (150°) al mio ascendente perciò in un rapporto già avviato Nicole Kidman potrebbe tenermi troppo legato a lei e alle sue abitudini, molto dipenderebbe dal contesto, anche se il resto della carta regge.

Compatibilità di coppia e astrologia, raccomandazione finale

L’analisi di questo tema di coppia comparato potrebbe continuare ancora ma mi fermo qui. Il giudizio finale è una forte compatibilità per una relazione di lunga durata ma condita di altrettanto forti contraddizioni da gestire. Ottime carte da giocare in una partita difficile.

L’astrologo in casi come questi deve seguire la coppia periodicamente facendo consulti sull’analisi dei transiti. Allo stesso tempo i componenti la coppia devono ricordarsi delle osservazioni dell’astrologo, e vivere dentro di loro il valore simbolico degli elementi zodiacali (segni, pianeti, case) per superare i momenti peggiori e per esaltare quelli migliori.

Come selezionare il personale con l’astrologia

Vuoi usare l’astrologia per selezionare il personale? In questo articolo unisco analisi organizzativa e astrologia. Secondo me, l’astrologo deve avere un minimo di formazione in selezione e gestione delle risorse umane.

Infatti io ho una formazione in risorse umane come dimostra l’attestato di seguito riprodotto.

Si tratta di un corso in selezione e gestione delle risorse umane che feci per puro interesse personale e per il fatto che all’epoca ero rappresentante sindacale dei lavoratori dell’azienda per la quale lavoravo. Unendo i puntini, come disse Steve Jobs, ora tutto torna utile e la questione si riversa sull’astrologia.

Selezionare il personale con l’astrologia

Si comincia selezionando i curricula dei candidati senza usare l’astrologia. Una volta scelte le candidature più interessanti abbiamo due strade alternative:

  • Facciamo subito gli oroscopi ai candidati che intendiamo convocare per i colloqui e anche le sinastrie di coppia
  • Chiamiamo i candidati al colloquio e solo quando resta una rosa di prescelti procediamo con l’astrologia.

Qual è la differenza? Il costo. Fare oroscopi ha un prezzo come tutte le prestazioni professionali quindi ci si mette d’accordo prima. Io consiglio di vedere prima quanti cv arrivano, fare un budget di spesa e vedere come va.

Analizziamo del tema di nascita, vedendo le attitudini generali in chiave astrologica, poi approfondendo la posizione e la condizione di Mercurio, Venere, Luna, Marte. In questo modo si esprime un giudizio generale tra lavoro proposto e caratteristiche del candidato per ricoprirlo.

Fatto ciò si procede all’oroscopo di coppia tra il candidato e il suo capo. Prima di tutto si guarda la compatibilità di elemento (aria-fuoco, acqua-terra) , poi si continua dal generale al particolare con tutti gli altri elementi. Per esempio, buone cose sono indicate da aspetti armonici (trigoni, sestili) tra i rispettivi Sole e Luna, i rispettivi signori della 10^ casa, e i rispettivi Mercurio, Venere e Marte. Occorre poi vedere le dignità dei pianeti interessati e se ci sono ricezioni e mutue ricezioni. Per esempio due Mercurio tra loro in quadrato, uno in uno segno d’acqua, l’altro in un segno di fuoco, non si troveranno quasi su nulla ed è quindi inutile se non dannoso metterli in uno stesso ufficio a lavorare insieme.

Stiamo parlando di lavoro, il contesto e lo scopo dell’analisi contano parecchio. In generale occorre vedere se ci sono aspetti disarmonici, neutri, armonici. Occorre vedere anche i rispettivi Marte e Saturno dell’oroscopo di coppia se sono tra loro ben configurati. Ricordiamoci sempre che in un oroscopo di coppia, la nostra casa dove cade il Saturno dell’altra persona implica il settore della vita nel quale l’altro ci darà problemi. Lo stesso discorso anche se in misura minore può riguardare Marte.

Descrizione della posizione organizzativa

L’astrologo deve avere nozioni di selezione e gestione del personale. A questo proposito consiglio questo libro e le indicazioni che sto per dare.

<<Il Manuale delle Procedure Aziendali  65 procedure – 72 Job description>> di Luigi Lombardi, FrancoAngeli Edizioni

Quando si esamina un candidato si cerca di valutare tre suoi aspetti: sapere, saper fare, saper essere. La posizione organizzativa è il lavoro per il quale stiamo facendo la selezione ed è la foglia dell’albero azienda-organizzazione. L’astrologo deve acquisire dal cliente la job description cioè la descrizione della posizione organizzativa.

Se la job-description non c’è, l’astrologo prima di mettersi a fare oroscopi ne deve fare una lui e interrogare il committente circa le aspettative riguardo il candidato.

Secondo il manuale di Luigi Lombardi la job description si compone di:

  • Scopo della funzione
  • Competenze e conoscenze richieste
  • Responsabilità principali
  • Compiti principali
  • Compiti generali
  • Rapporti interfunzionali

Scopo della funzione
Il motivo per il quale la funzione esiste. Va compilato alla fine

Competenze e conoscenze richieste
Livello minimo di scolarizzazione, eventuali qualifiche professionali, abilità in termini quantitativi-qualitativi.

Responsabilità principali
Sono i risultati da produrre con il proprio lavoro

Compiti principali
L’elenco dettagliato dei compiti che realizza le responsabilità

Compiti generali
Se ci sono (soprattutto per figure manageriali)

Rapporti interfunzionali
Come la posizione viene inquadrata nell’organigramma, con chi si interfaccia, le procure di cui è dotata, le autorizzazioni necessarie. In generale i rapporti interfunzionali ci dicono con chi è in rapporto il titolare della posizione in termini di input e di output rispetto all’organizzazione.

> Posso suggerire anche un’altra classificazione alternativa:

Scopo della posizione
Come sopra

Dimensione della posizione
(fatturato, n. dipendenti, n.colli spediti ecc..) cioè una determinazione quantitativa della posizione

Organigramma
Dove si colloca la posizione

Contesto della posizione
– Ambiente di riferimento
– Strumenti e tecniche utilizzate
– Collocazione geografica, vincoli opportunità creati dai clienti, fornitori, concorrenza

Quadro organizzativo
– Responsabilità
– Rapporti interfunzionali,
– Contatti con l’esterno
– Autorizzazioni necessarie
– Contenuto delle deleghe.

Attività principali
Descrivere i compiti principali, con senso di realtà. Non bisogna dare giudizi o esprimere aspirazioni o idealità.

Finalità
Chiedersi come la posizione persegue gli obiettivi aziendali

Analisi e valutazione delle posizioni organizzative

Quest’ultimo punto non è facile perché si accavalla con il contenuto degli altri punti visti sopra. Faccio le seguenti osservazioni. Per descrivere la\le finalità si usano:
– Un risultato a cui tende la posizione
– Un verbo che rifletta l’impatto del risultato della posizione
– L’azione che porta a quel risultato
– I vincoli cui la posizione è soggetta

Come si vede descrivere le finalità confina con il contesto della posizione, lo scopo della stessa e le attività di cui è composta. Come discriminare allora? Si può saltare la finalità come descrizione esplicita se i suoi elementi sono presenti negli altri punti e inoltre, si tenga presente, che le finalità vanno da tre a massimo otto.
Sotto i tre non si è chiarito bene, sopra otto, si stanno confondendo compiti (attività principali) con finalità.

Perciò prima di fare le classificazioni, scrivete e poi suddividete. Anche perché bisogna prima intervistare, riprendere gli appunti e sistemarli e solo dopo classificare.

Tentare di fare questo lavoro preliminare al meglio delle proprie capacità sarà decisivo; un astrologo esperto che possiede una job descritpion fatta bene va a dama subito, senza incertezze e con soddisfazione sua e del cliente. Se invece le job descriptions esistono già e il cliente ve le fornisce, quanto finora detto e il manuale consigliato, vi permetteranno di leggerle con cognizione di causa.

Deontologia nella selezione del personale con l’astrologia

Nella selezione del personale l’astrologo, a meno che non sia anche psicologo, non deve mai improvvisarsi tale ma agire con le categorie dell’astrologia. La deontologia del lavoro presuppone (e l’astrologo deve chiarirlo) che lui sta svolgendo un lavoro che viene liberamente richiesto e accettato dal committente.

L’astrologo non è un sociologo del lavoro e delle organizzazione o un selezionatore professionista ma le informazioni viste sopra sono necessarie ad una maggior contezza per l’astrologo stesso, che non deve mai volare basso nella sua professione, e sono fondamentali per il cliente che chiede consulti di astrologia.

Spesso nel mondo del lavoro la selezione del personale, con astrologia o senza, è lasciata all’improvvisazione. Chi seleziona molte volte si affida a impressioni “a pelle” oppure a segnalazioni del canale amical-parentale o si affida a giudizi che sono purtroppo pregiudizi.

 

CONTATTAMI PER UN CONSULTO
SCRIVI O CHIAMA
339-72 02 236

I diversi tipi di consulenza astrologica

In questo articolo ti parlo dei diversi tipi di consulenza astrologica e ti do le indicazioni su come scegliere quella più adatta a te.

 

Adesso faccio un elenco poi te lo spiego bene, bene.

Vuoi conoscere una sintesi di cosa ti aspetta nella vita?
Chiedi l’oroscopo di nascita.

Vuoi sapere gli eventi che ti attendono per un certo periodo?
Chiedi una consulenza astrologica su transiti, progressioni e rivoluzione solare annuale.

Vuoi scoprire la compatibilità di coppia? Sentimentale, amicale, lavorativa altro?
Chiedi la sinastria.

Vuoi una risposta il più precisa possibile ad una domanda specifica e solo a quella?
Chiedi un consulto di astrologia oraria classica.

Vuoi sapere quando è opportuno fare una cosa, intraprendere un’azione?
Chiedi un consulto di astrologia elettiva.

E ora ti spiego tutto, vieni con me.

Astrologia genetliaca

Questo tipo di astrologia è quella più diffusa. Esistono diverse scuole di astrologia che privilegiano differenti approcci. Chi ha un approccio più psicologico, chi più divinatorio e predittivo ma in questa sede non è importante scendere in dettaglio. Ci interessano invece le risposte che puoi avere con l’astrologia.

L’astrologia è lo specchio della vita, nulla è determinato dagli astri, tutto è rappresentato in essi.

La genetliaca dicevo è l’astrologia per i consulti più diffusi. Si parte dall’analisi dell’oroscopo di nascita e si esaminano i transiti, le progressioni e le rivoluzioni solari basate su quel tema. Ci sono anche le rivoluzioni lunari per le previsioni mensili.

La genetliaca è un tipo di consulenza astrologica che, secondo me, non può essere evitato. Chi si interessa di astrologia, almeno una volta nella vita, dovrebbe farsi analizzare il tema di nascita e i transiti principali che durano fino ad un anno dal consulto. Il tema di nascita è tuo (e solo tuo) e vale solo per te. Dico questo perché tante altre persone sono del tuo stesso segno ma solo tu hai il tuo specifico tema di nascita.

Analisi dei transiti astrologici

Della genetliaca fanno parte l’analisi dei transiti. I transiti sono i pianeti che girano intorno al sole e che formano aspetti angolari con i pianeti e altri punti fermi del tuo tema di nascita. Così facendo i primi “attivano” i secondi e ci segnalano eventi di diverso tipo che accadranno nella tua vita in specifici settori (amore, lavoro, salute, figli ecc..). Questo vuol dire, in genere, quando si parla di fare previsioni astrologiche.

I transiti, rivoluzioni ecc…in realtà fanno parte della cosiddetta “astrologia previsionale”. A buon titolo direi. Ma io li classifico comunque nella genetliaca perché sono tecniche legate al tema di nascita. Anzi, più correttamente, secondo me, si può affermare che si tratta di metodi che mostrano il movimento, la “trasformazione” dell’oroscopo di nascita con il passare del tempo.

Rivoluzione solare annuale

E’ la previsione astrologica di un anno. Non va dal 1 gennaio al 31 dicembre ma da compleanno a compleanno.

E’ una sintesi dei transiti, una visione di insieme, che va integrata con i transiti e le progressioni per essere più precisa. Nulla esclude che si possano analizzare i transiti dal 1 gennaio al 31 dicembre. In genere, la prima lettura di un tema di nascita termina proprio con l’analisi dei transiti principali per un anno dal momento del consulto.

Progressioni astrologiche

Le progressioni infine rappresentano a che punto sei della tua vita ma non mi dilungo in altri dettagli. I tre metodi sono integrati. Io uso poco le progressioni e di più i transiti e le rivoluzioni. Uso le progressioni quando, analizzando i transiti, le cose non mi sono chiare. Penso sia l’approccio giusto e te lo consiglio anche a te.

Sinastria

Arriviamo quindi ad un argomento di forte interesse: l’astrologia della compatibilità di coppia. Descrive la compatibilità potenziale delle persone tra loro. Compatibilità sentimentale, lavorativa, amicale, tra i soci in affari e altro. Si chiama “sinastria”.

Per scovare eventuali crisi, tra due persone, che possono verificarsi in certi periodi della vita, ci vuole anche una consulenza astrologica integrata con i transiti, proprio perché ognuno di noi è unico e hai i suoi tempi e attraversa periodi diversi della vita, che possono essere individuati, appunto,  con l’uso dei transiti.

I metodi della genetliaca sono efficaci ma “generalisti”.  Sono usati dalla maggior parte degli astrologi professionisti in circolazione. La maggior parte di loro, ignorano l’astrologia oraria classica che invece da risposte più precise a domande più specifiche.

Astrologia oraria classica

L’astrologia genetliaca ti dice cioè che in un certo periodo avrai la probabilità di sperimentare certi eventi in alcuni settori della vita, l’oraria risponde ad una domanda specifica. Es. mi ama? Mi tradisce? E’ meglio questo lavoro o l’altro? Devo vender casa o affittarla? Risponde alla domanda. E basta. Credi o no alla risposta? L’accetti?

In oraria il consulto astrologico è sulla domanda e la consulenza astrologica è sul tema di nascita della domanda  e bada bene, non sul tuo tema di nascita. L’astrologo erige la carta per il luogo e l’ora in cui riceve e comprende la domanda che tu fai e risponde solo a quella, usando tecniche diverse dall’analisi dei transiti, progressioni, rivoluzioni.

E’ un tipo di astrologia che si propone di essere squisitamente divinatoria ed è:

  • più precisa dei tarocchi
  • più puntuale della genetliaca
  • di minor “respiro” rispetto alla genetliaca

Astrologia elettiva

Quando mi conviene costituire una società? Pubblicare un libro? Organizzare una festa, o altro? Si risponde con una consulenza di astrologia elettiva. Anche i transiti possono essere utili ma l’elettiva è spesso quella più idonea e precisa.

Destino e libero arbitrio

Non ho parlato dell’strologia oraria classica nel mio e-book gratuito. Resta inteso che io non sono un determinista ma il destino scritto, secondo me esiste, e la penso come Seneca quando disse: “Non possiamo arrestare il vento ma possiamo orientare le vele”.

Tuttavia se volete divertirvi a scoprire la prevalenza tra destino e libero arbitrio, in questo blog, nella sezione “ALTRO”, troverete contenuti di alta qualità, che tuttavia vi danno solo ottimi spunti di riflessione perché la questione, a mio avviso, non avrà mai parola definitiva.

 

CONTATTAMI PER UN CONSULTO

SCRIVI O CHIAMA

339-72 02 236

Interpretare i Transiti – Seconda Parte

Interpretare i transiti: messaggeri di eventi
Per interpretare i transiti dobbiamo far finta che i pianeti siano come dei portatori di messaggi. Ci sono messaggi la cui importanza dura nel tempo e messaggi che invece riguardano pochi mesi, settimane o giorni.

I transiti che durano di più sono quelli formati dai pianeti lenti e in questa sede esamineremo  quelli di Giove e Saturno. Infatti i pianeti “veloci”, Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte ci dicono come siamo fatti, Giove e Saturno, ci indicano invece come ci muoviamo nel mondo.

La prima cosa che l’interprete deve guardare è la posizione di Giove e Saturno nelle case perché rappresentano il “tono di fondo” di un certo periodo della nostra vita.

Gli altri transiti sono ugualmente importanti, ma come in un palcoscenico, lo sfondo della scenografia riguarda la posizione di questi due pianeti lenti nelle case. Analizziamo allora, in sintesi, i principali significati di questi attraversamenti, facendo prima una doverosa premessa.

Giove e Saturno e la loro doppia faccia

Generalmente Giove è il benefico (principio espansivo) mentre Saturno è il malefico (principio restrittivo). Giove sono doni, Saturno privazioni.

Ma non sempre è così per due motivi:

  • Il transito del pianeta nella casa va completato con gli aspetti che quest’ultimo forma con altri pianeti natali o con gli angoli della carta
  • Dipende dalla situazione concreta del consultante e dai suoi precedenti.

Dunque Giove può essere eccesso, dispersione e perdita, Saturno maturazione, ottenimento e saggezza.

Prima casa
Nella prima parte della prima casa si avvertono necessità di cambiamento in ogni settore della vita, siete all’inizio di un nuovo ciclo ovvero volete cominciarne uno; si possono avere sogni premonitori o forti intuizioni sul passato, il presente e il futuro.

E’ tempo di bilanci e di esaminare le decisioni prese e da prendere. Saturno in prima casa può essere simile al contatto con Marte: mancanza di energia o malattia oppure se la vostra situazione è salda, potrete avere un rilancio della forza fisica e mentale perché Saturno agisce da saggio e non solo da censore.

Seconda casa
La seconda casa sono i soldi, i possedimenti materiali ecc..perciò avrete a che fare con espansioni o restrizioni, entrate o uscite. Saturno in seconda può voler dire bisogno di guadagnare più soldi, necessità di prendere decisioni che consolidano le nostre risorse materiali. Giove può favorire l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali o nuovi lavori da dipendete.

Terza casa
Giove in terza: nuovi studi, voglia di conoscere gente, nuovi ambienti, con Saturno invece problemi a scuola, difficoltà nel capire e farsi capire, noie con fratelli e parenti prossimi, oppure quando opera come saggio, riconciliazioni, desiderio di capire meglio se stessi e gli altri, bisogno e voglia di approfondimento di conoscenze e situazioni.

Quarta casa
Giove ci spinge a rendere più confortevole la nostra dimora, Saturno la vuole invece “più solida”. Desiderio di lavori di ristrutturazione o necessità dovute ad accadimenti esterni.

Giove in 4^ significa anche traslochi. Sia Saturno che Giove in questa casa mettono l’accento sul rapporto col padre oppure con l’immagine che avete di voi stessi.

Quinta casa
Giove in quinta, voglia di figli o di gioco e vincite. Esperienze creative, nuovi hobby e nuove passioni erotiche. Saturno di contro stimola un restringimento in questi ambiti.

Saturno in 5^ può indicare pesantezza, incertezza, insicurezze personali o vivere esperienze in cui la propria volontà si rivela inefficace.

Tuttavia interpretare in transiti vuol dire anche tenere conto degli aspetti che Giove e Saturno formano con gli altri pianeti di nascita, quando si trovano in una certa casa.

Per esempio un Giove di transito in 5^ che forma aspetti difficili con altri pianeti della carta di nascita, potrebbe voler dire eccessi a tavola, svogliatezza creativa o eccessiva sicurezza in sé che porta a sbagliare, arroganza o litigi, dissapori con i figli e tutta una serie di “eccessi” dovuta ad un debordante stimolo del significato espansivo del pianeta.

Sesta casa
Giove in sesta ci spinge a voler migliorare la nostra situazione professionale e la salute. Preannuncia eventi che riguardano il lavoro, i rapporti con i colleghi e superiori, l’ambiente fisico in cui si svolge la nostra attività.

Saturno ci spinge ad essere guardinghi, ci preannuncia difficoltà e cambiamenti nel lavoro e nella salute, ci mette in guardia o simboleggia malattie e un bisogno di accertamenti o cure.

Settima casa
La settima casa è la casa delle relazioni. Apparentemente con Giove va alla grande e con Saturno no. Ma non è così. Ci si divorzia con Giove in 7^ e ci si sposa con Saturno. Perché?

Perché Giove può espandere la nostra voglia di libertà e felicità e se la nostra relazione non è soddisfacente può produrre rotture, mentre Saturno non è solo il censore ma anche il saggio, per cui può farci prendere delle decisioni a lungo rimandate.

Questo vale sia per le relazioni sentimentali che per gli altri tipi di relazioni, anche se la famiglia e il lavoro sono correlate a case diverse.

Pensiamo però ai rapporti con i soci o con le controparti in un processo o ai rapporti con conoscenti o semplicemente alle nostre interazioni generali con “gli altri”.

Ottava casa
L’ottava è una casa particolare, misteriosa, ambigua da prendere con le molle. Bisogna essere sempre prudenti quando si interpretano gli avvenimenti che simboleggia perché è sempre facile sbagliarsi, visto il suo carattere scorpionico, segreto, sfuggente.

Diciamo due parole in generale. Con Giove gli eventi potranno essere quelli di un’espansione per il sesso, un aumento dell’interesse erotico e il contrario con Saturno.

La fedeltà o l’infedeltà potranno essere esaminate prima di tutto guardando i transiti in questa casa (non solo quelli di Giove e Saturno)

L’ottava però è anche una casa di malattia, chirurgia, occulto, interessi esoterici, ricerca interiore e psicoterapia.

Insomma è una casa fortemente polisemica e intimista di qui le difficoltà che l’interprete può incontrare e che necessitano della piena collaborazione del consultante.

Nona casa
Giove in nona è come un ritorno di Giove su se stesso. Con giove in nona sono favoriti gli studi, specie quelli filosofici, psicologici, sociologici e affini e quelli religiosi.

Giove in nona porta fiducia nel futuro, desiderio di essere centrati su se stessi, recupero delle forze e ottimismo, nuovi inizi.

Con Saturno, sia ha bisogno di nuove conoscenze, si può avere sfiducia in se stessi, messa in dubbio interiore o dall’esterno delle proprie capacità.

Con Saturno c’è anche necessità o capacità di affidarsi alle proprie abilità e all’esperienza accumulata.

Decima casa
Giove in decima rappresenta un’espansione della vostra popolarità e influenza sociale e sul lavoro, al contrario di Saturno che però in questa casa può portare i suoi frutti di stabilizzazione in questi ambiti dopo fatiche e impegni.

E’ la casa del lavoro e della madre. E’ una casa di struttura sociale, simboleggia il nostro posto nella società.

Undicesima casa
Con Giove o Saturno in 11^ casa potrete essere spinti a partecipare di più ad attività di gruppo e sociali, ad iscrivervi ad associazioni, partiti, sindacati o altre organizzazioni.

Dodicesima casa
Con Giove e Saturno in 12^ casa finite un ciclo. Positivo o negativo e vi preparate a cominciarne un altro. I transiti di Saturno possono essere difficili e dovrete dedicare ad essi la massima attenzione.

Interpretare i transiti in modo dinamico
I transiti possono (e debbono) essere interpretati come avvenimenti interni o esterni. Per es. un Giove ben messo in 4^ potrebbe voler dire che vogliamo cambiare casa ma è possibile che non ne abbiamo la possibilità materiale.

Quando c’è una discrasia tra eventi interni ed esterni, la conoscenza del loro significato ci aiuta a capire meglio la situazione a vederla come parte integrante del nostro percorso di vita e costituisce il prodromo di decisioni più consapevoli.

Inoltre torno a ripetere ancora una volta perché è importante: interpretare i transiti di Giove e Saturno quando si trovano in una certa casa, significa tenere conto degli aspetti che essi formano con gli altri pianeti di nascita o altri punti importanti della carta (spesso gli angoli, Ascendente, Discendente, Medio cielo, Fondo cielo).

Solo così si possono descrivere e prevedere meglio gli eventi interni ed esterni del tipo di quelli descritti in precedenza. La consulenza dell’astrologo è quindi fondamentale.

Dispensa sulle case
Ho parlato tanto di case…mica potevo lasciarvi così, senza dirvi nulla in merito. Giusto? Ho già pensato a voi a suo tempo e così oggi potete scaricarvi questa bellissima dispensa.

Bibliografia
<<Relazioni e cicli vitali>> – Stephen Arroyo – Astrolabio

E-book in regalo
Una guida per chi si rivolge all’astrologo o al cartomante

<< PRIMA PARTE